Celebrato il Giorno del Ricordo a Civitavecchia

Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Febbraio 2018 08:31 Domenica 11 Febbraio 2018 07:19

Celebrato a Civitavecchia il "Giorno del Ricordo" per non dimenticare gli oltre cinquemila italiani massacrati dagli jugoslavi  di Tito  in Istria, Dalmazia e Venezia Giulia tra il 1943 e il 1945: una "pulizia" politica ed etnica in piena regola, mascherata come azione di guerra o vendetta contro i fascisti. E per non dimenticare gli oltre 350 mila profughi istriani, giuliani e dalmati costretti  all'esodo, a lasciare case e ogni bene per mettersi in salvo dalle violenze, fuggendo con ogni mezzo in Italia dove – non va dimenticato -  furono persino malamente accolti da frange della nostra comunità nazionale.   In gran parte finirono nei campi profughi e ci rimasero per anni. Per mezzo secolo  sulle stragi delle foibe e sull'esodo dei giuliani si è steso un pesante e colpevole silenzio squarciato solo in anni recenti (dal 2004).  La memoria di quei fatti va invece ricordata, fatta conoscere per non dimenticare e difesa come proprio quanto  è accaduto di negativo  in questo giorno del 2018 in Italia sta a dimostrare.  E’ ciò che è stato ben fatto in Civitavecchia.

Giorno del Ricordo 2018 1r  Giorno del Ricordo 2018 2r  foibe 2018 1311 x Giorno del Ricordo 2018 4r

Leggi tutto: Celebrato il Giorno del Ricordo a Civitavecchia

 

Il Gen. C.A. Salvatore Farina nuovo Capo di SME

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Dicembre 2017 19:42 Venerdì 22 Dicembre 2017 08:50

FarinaIl Gen. C.A. Salvatore Farina, attualmente alla guida del Joint Force Command della NATO in Brunssum (Olanda),  è stato nominato Capo di SM dell’ Esercito italiano al posto del pari grado Danilo Errico. Il Generale Farina ha ricoperto vari incarichi nella sua lunga carriera tra cui quelli di  Comandante del Battaglione “Leonessa” dell’ 11° Reggimento Trasmissioni , Addetto Militare in Gran Bretagna, Capo del Centro Operativo Interforze presso lo Stato Maggiore della Difesa, Comandante del  1° Reggimento Trasmissioni a Milano,  Comandante della Brigata Trasmissioni  dell’ Esercito in Anzio, Vice Capo III Reparto di SMD responsabile della Pianificazione Generale in ambito Interforze, Capo del III Reparto - Politica Militare e Pianificazione - dello Stato Maggiore della Difesa,  Comandante di KFOR nell’Operazione NATO Joint Enterprise in Kosovo, Capo Dipartimento Trasformazione Terrestre dell’Esercito, Presidente del Comitato per l’Implementazione del Libro Bianco per la Difesa.  La comunità  dell’ Arma delle Trasmissioni di Civitavecchia,  dall’ 11° Reggimento  alla locale Sezione ANGET alla quale il generale è stato sempre vicino,  è particolarmente lieta della notizia ed esprime al Generale Farina le più vive congratulazioni ed i migliori auspici di buon lavoro e per ogni  brillante successo alla guida del nostro Esercito.


 

 

Anche a Civitavecchia si è parlato di “Caporetto".

Ultimo aggiornamento Giovedì 14 Dicembre 2017 07:33 Giovedì 14 Dicembre 2017 07:01

Locandina Conferenza a Civitavecchia12 dicembre 2017. Le Associazioni Combattentistiche e d’Arma di Civitavecchia, coordinate dal Presidente della locale Sezione dell’ Associazione Nazionale Bersaglieri, Antonio Mancinetti, e con il prezioso supporto della Fondazione della Cassa di Risparmio di Civitavecchia (CARICIV), hanno organizzato la conferenza dal titolo “1917. Caporetto. Dall’Isonzo al Piave: …tutta un’altra Storia” che è stata tenuta dal socio UNUCI e ANGET, Angelo Pacifici. Oltre ai presidenti e a numerosi veterani delle diverse associazioni locali e loro familiari e invitati, vi hanno partecipato vari rappresentanti di Enti, Comandi ed Unità presenti nel territorio cittadino. Tra tutti ricordiamo l’ Assessore Alessandro Ceccarelli, in rappresentanza del Sindaco,  il Gen. Manlio Scopigno  rappresentante del Comandante del Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito, e  il Gen. Ottavio Renzi, Presidente dell’Associazione Nazionale Bersaglieri. L’intervento è stato particolarmente apprezzato dai veterani e dagli invitati che hanno seguito il relatore nel suo approccio teso a porre l’accento sulla rilettura degli eventi  della seconda metà del 1917 in una luce nuova, grazie alle ricostruzioni della battaglia di Caporetto pubblicate negli ultimi anni e a quelle delle tante altre  battaglie combattute durante la manovra strategica in ritirata pressoché sconosciute perché ignorate fino  a solo pochi anni fa dalla storiografia nazionale. In particolare il relatore ha indicato quale sia stata a grandi linee  la sequenza certamente non efficace  del ciclo informativo che caratterizzò  le decisioni del Comando Supremo – anch’esse ricordate – che vennero assunte  dai primi di settembre (fine della battaglia della Bainsizza) fino al 24 ottobre  1917 (inizio dell’offensiva Waffentreue); e che portò il Regio Esercito italiano a subire in pieno gli effetti della sorpresa strategica e di quella tattica realizzate dagli austro-tedeschi. Grazie all’utilizzo di vari spezzoni di filmati  e prove documentali l’intervento è risultato certamente  non banale e ha consentito al relatore di concludere  indicando  nel valore dei nostri nonni che combatterono per l’unità di tutti gli italiani uno degli elementi fondanti della nostra stessa identità nazionale. Per l'ANGET erano presenti il Presidente Salvatore Russo, il Vice Presidente Francesco Raucci ed il Segretario Vincenzo Santonastaso. Di seguito alcune immagini dell’evento.

caporetto -  20171212 524 xxx   caporetto -  20171212 540 xxx  caporetto -  20171212 545 


 

Caporetto.Dall'Isonzo al Piave: tutta un'altra Storia!

Ultimo aggiornamento Sabato 25 Novembre 2017 14:25 Sabato 25 Novembre 2017 12:07

Il 22 novembre, presso l’ Aula Magna del neo costituito Comando Trasmissioni dell’Esercito in Roma-Cecchignola, il Gen. Angelo Pacifici, socio delle sezioni ANGET di Roma Nord, di Civitavecchia e di  Anzio-Nettuno,  ha intrattenuto il personale militare con una presentazione dal titolo “1917. Caporetto. Dall’Isonzo al Piave: …tutta un’altra Storia!”.  L’intervento è stato particolarmente apprezzato dal Comandante, Gen.B. Luigi Carpineto,  e dal personale intervenuto per la originale impostazione della presentazione durante la quale è stata in pratica offerta una rilettura degli eventi  della seconda metà del 1917 in una luce completamente nuova, grazie alle ricostruzioni della battaglia di Caporetto pubblicate negli ultimi anni e a quelle delle tante altre  battaglie combattute durante la manovra strategica in ritirata di cui non si è mai saputo nulla o quasi  negli anni passati.  Il Gen. Pacifici ha concluso l’intervento indicando  nel valore dei nostri nonni che combatterono per l’unità di tutti gli italiani uno degli elementi fondanti della nostra stessa identità nazionale. Essi seppero continuare a combattere anche malgrado la temporanea sconfitta, contendendo al nemico ogni palmo della pianura friulano-veneta,  riuscendo così a ritardare e a fermarlo sul Grappa-Piave per poi batterlo definitivamente nell’anno successivo.  Grazie alle ricostruzioni delle tante battaglie combattute e in passato ignorate dalla storiografia, quanto i nostri nonni riuscirono a fare nella seconda metà del 1917 non ha quindi il carattere negativo della vulgata dannata per troppo tempo propinata alle nostre generazioni ma, al contrario, ha caratteri di vera e pura epica da leggenda di cui andare orgogliosi. 

Foto Trasmissioni 2 xxx   Foto Trasmissioni 3 xxx   Foto Trasmissioni 4


 

L'11° Reggimento si addestra a Leonessa

Ultimo aggiornamento Giovedì 23 Novembre 2017 07:49 Giovedì 23 Novembre 2017 07:34

Leonessa 1 121 novembre 2017. Ancora un evento addestrativo per l' 11° Reggimento Trasmissioni e ancora una volta nella città di Leonessa che da molti anni  ospita con il consueto affetto il reparto. Su invito del Comandante del Reggimento Col. Davide Dettori, varie autorità civili e militari, anche della città, hanno potuto assistere all’attività addestrativa denominata “Esercitazione Leonessa 2017”. Per l’ ANGET hanno partecipato  il Presidente della Sezione di  Civitavecchia Salvatore Russo, il Vice Presidente Francesco Raucci ed il  Segretario Vincenzo. Il Reggimento, con il particolare impegno degli uomini e le donne del Battaglione Leonessa comandati dal Ten.Col. Gianluca Bonci,  ha  schierato e gestito  i più moderni sistemi informatici di comunicazione ed elaborazione delle informazioni, capaci di assicurare il supporto necessario  alle attività del Comando Interforze per le Operazioni delle Forze Speciali. Dopo l’arrivo del Comandante delle Trasmissioni, Gen. Luigi Carpineto,  si è tenuta  la celebrazione della S. Messa officiata da Padre Orazio, Parroco di Leonessa e da Don Massimo, Cappellano Militare. A seguire i partecipanti hanno potuto visitare l’accampamento e le varie componenti tecnico-operative dislocate in altre zone rendendosi conto del livello addestrativo raggiunto.  A conclusione il pranzo di corpo ha riunito tutti in un’atmosfera gioiosa e gratificante.  

Leonessa 1 2 x  Leonessa 1 4 x Leonessa 1 6    Leonessa 1 8 

 

 

Giorno dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate

Ultimo aggiornamento Sabato 04 Novembre 2017 14:29 Sabato 04 Novembre 2017 14:08

 4 nov 2017  24 novembre 2017. Celebrati il Giorno  dell'Unità Nazionale e la Giornata delle Forze Armate. Alla presenza del Gonfalone della Città di Civitavecchia, decorato di Medaglia d’Oro al Merito  Civile, il  Sindaco, Ing. Antonio Cozzolino,  ed il Comandante del Centro di Simulazione e Validazione dell'Esercito, Gen.D. Maurizio Boni, hanno deposto una corona di alloro in ricordo di tutti i caduti di ogni tempo e successivamente, dopo la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica inviato alla nazione ed alle sue Forze Armate nella ricorrenza della Vittoria (4 novembre 1918) nell’ultima guerra per l’ unità di tutti gli italiani,  hanno rivolto un saluto ai presenti e a tutti coloro che sono impegnati nelle diverse operazioni nel mondo, ricordando quindi  il significato della giornata e della celebrazione. Un  Picchetto d'Onore dell' Esercito e una Banda cittadina hanno segnato i momenti principali della cerimonia a cui hanno partecipato Associazioni Combattentistiche, d'Arma, Specialità e Categoria,  autorità militari e civili, attorniate dalla cittadinanza riunitasi a Piazzale degli Eroi.  Tra le rappresentanze militari erano presenti il Ten.Col. Gianluca Bonci, neo  Comandante del Battaglione Leonessa dell’11° Reggimento Trasmissioni ed il Cap. Davide Ricciardi del comando del reggimento.  Per l’ ANGET Civitavecchia erano presenti il Presidente Salvatore Russo, il Vice Presidente Francesco Raucci, il Segretario Vincenzo Santonastaso ed il Socio Antonio Dolgetta. 

4 nov 2017  3 xxx  4 nov 2017  5 xxx  4 nov 2017  6   xxx  4 nov 2017  1

 


 

24 ottobre 1917-Caporetto: tutta un’altra storia!

Ultimo aggiornamento Martedì 24 Ottobre 2017 15:51 Martedì 24 Ottobre 2017 08:53

Bandiera RegnoA 100 anni dall’inizio della Battaglia di Caporetto è oggi possibile affermare che essa fu certamente una battaglia perduta ;  e che lo fu per cause militari  che attengono alle responsabilità di comando, rientrando nella natura e nelle dinamiche di un atto di  guerra .   La superiorità  nemica, nonostante il valore indiscutibile  dei nostri avi   che, come avevano fatto nelle precedenti undici  battaglie da 1915 al 1917,  anche in quella occasione  combatterono da valorosi nelle posizioni in cui erano, con la dottrina, le tecniche e l’addestramento ricevuto  e le armi in dotazione,   costrinse il nostro Esercito a ripiegare sulla linea Grappa-Piave,  ancora sempre combattendo in condizioni difficilissime e contendendo al nemico ogni palmo della pianura friulano veneta.  La  battaglia si svolse dal 24 ottobre al 26 ottobre. La successiva  gigantesca manovra strategica in ritirata dalla fronte giulia e carnica,  ordinata dal Comando Supremo,  ebbe luogo dal  27 ottobre  al 9 novembre e fu contrassegnata da numerose  battaglie: Cividale del Friuli, Val Resia, Torre e Udine, Pozzuolo del Friuli e Mortegliano, Codroipo e Lambro, Ragogna, Clauzetto-Tramonti,  per citare le principali..;  fra  tutte, ricordiamo che il nemico riconobbe a Ragogna, sul Tagliamento,  il valore della Brigata Bologna con reparti della Brigata Barletta e altri,  rendendo loro l’onore delle armi.  La manovra in ritirata  fu seguita  a novembre-dicembre dalla grande Battaglia d’Arresto  che si svolse appunto  sul Grappa e sul Piave,  e con la  quale  l’offensiva austro-tedesca venne definitivamente arrestata. Da lì poi, l’anno successivo, ancora il 24 ottobre,   il Regno d’Italia avrebbe mosso l’ultima battaglia per la vittoria finale.   I nostri nonni, tutti dai comandanti ai soldati di ogni arma, della marina e dell' aviazione,  la storia la fecero, combattendo  per l’unità di tutti gli italiani!  Noi dovremmo almeno oggi,  a distanza di 100 anni , rendere loro l’onore che gli è  stato per troppo tempo  negato,  imparando a conoscere quella storia nella sua verità fattuale,  così da  ribaltare la leggenda dannata di Caporetto che altri diffusero per finalità diverse da quelle di  verità. 


 

Pagina 3 di 41

«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»
Choosing the best web hosting some times could be difficulty if you dont know what to look for. Read hosting reviews and if you may like we highly recommend using green hosting servers.
  • images/stories/corriere/Corcom_1.png
  • images/stories/demo/Barbani.jpg
  • images/stories/demo/Carrozzeria De Fazi.jpg
  • images/stories/demo/Dentistar_r.jpg
  • images/stories/demo/Green_Vision.jpg
  • images/stories/demo/Palumbo_Gioielli.jpg
  • images/stories/demo/TARGET Immagine.jpg
  • images/stories/demo/Taddeo_r.jpg
  • images/stories/demo/LOGO-Sora-Maria_1.png
  • images/stories/demo/Logo-Composto.png
  • images/stories/demo/biglietto-da-visita-caccia-al-viaggio.png
  • images/stories/demo/mocci_odontoiatra.png
  • images/stories/demo/tagliaferri.png

Che tempo fa a ...

Civitavecchia
Sab

19°C
Dom

20°C
Lun

22°C
Mar

17°C
Mer

24°C

I nostri visitatori

Tot. visite contenuti : 376461

Visitatori in linea

 85 visitatori online
Free Joomla Templates designed by Joomla Hosting

Questo sito non utilizza cookies direttamente ma potrebbero essercene di terze parti.Cliccando sul pulsante -Si- Lei prende atto di ciò.Grazie. Prosegua pure nella visita al sito. Per saperne di più a proposito di cookies.

Accetto

EU Cookie Directive Plugin Information